Per quasi dieci anni, l’artista coreana Jee Young Lee ha creato nel suo studio di 4 metri quadrati un universo alternativo. L’artista ha realizzato, esclusivamente all’interno di questa stanza, una serie di labirinti intricati e fantasiosi paesaggi onirici e fittizi, dove fiori di grandi dimensioni, graffette giganti e grandi pezzi di Lego hanno riempito la scena. Nel processo di creazione, i set elaborati hanno richiesto straordinaria pazienza e molto materiale creativo, visto che ogni elemento è realizzato a mano singolarmente per diminuire la necessità di manipolazione post-produzione.

Le composizioni sono una sorta di rappresentazione visiva dei pensieri e le frustrazioni dell’artista. Anche se l’artista è presente in ogni immagine, questa non deve essere intesa come un autoritratto, ma piuttosto come una ricerca della propria identità, un desiderio di introspezione personale e un’esplorazione del proprio stato d’animo.

fonte: designboom

jeeyoung-lee-interview-installation-02 jeeyoung-lee-interview-installation-03 jeeyoung-lee-interview-installation-06 jeeyoung-lee-interview-installation-07 jeeyoung-lee-interview-installation-09 jeeyoung-lee-interview-installation-010 jeeyoung-lee-interview-installation-011 jeeyoung-lee-interview-installation-012 jeeyoung-lee-interview-installation-014 jeeyoung-lee-interview-installation-015 jeeyoung-lee-interview-installation-016 jeeyoung-lee-interview-installation-017 jeeyoung-lee-interview-installation-018 jeeyoung-lee-interview-installation-51

By |2016-03-24T09:43:04+00:00marzo 24th, 2016|Creative Blog|