I paesaggi ultraterreni realizzati in digitale da Filip Hodas trasportano lo spettatore in un ipnagogico, spazio iperrealista che sfida le leggi fisiche che governano il mondo che ci circonda. Dall’inizio del 2015, il grafico originario di Praga ha utilizzando per questi lavori programmi come World Machine, Cinema 4D e Octan.

In ognuna delle composizioni si intersecano natura e artificio attraverso la meticoloso manipolazione digitale di ambienti terrestri, con l’inserimento di surreali e innaturali, elementi estranei, come un gruppo di palloncini rosa che sovrasta una laguna ghiacciata; un mammut, a forma di cono o una formazione rocciosa che trafigge la terra dall’alto. La qualità altamente dettagliata delle opere d’arte offrono una visione realistica di paesaggi e scene impossibili.

filip-hodas-daily-renders-digital-art-02 filip-hodas-daily-renders-digital-art-03 filip-hodas-daily-renders-digital-art-04 filip-hodas-daily-renders-digital-art-05 filip-hodas-daily-renders-digital-art-08 filip-hodas-daily-renders-digital-art-011 filip-hodas-daily-renders-digital-art-012 filip-hodas-daily-renders-digital-art-015 filip-hodas-daily-renders-digital-art-017 filip-hodas-daily-renders-digital-art-018 filip-hodas-daily-renders-digital-art-019 filip-hodas-daily-renders-digital-art-021

By |2016-01-28T10:51:07+00:00gennaio 28th, 2016|Creative Blog|